Open

Infinity Paradigm®

Un quadro rivoluzionario sul mondo del data center

A paradigm-shift in the data center industry.

Start Here

Image layer
Slide background

Application EcosystemSM

Application lives, exists, breathes and interacts only in an ecosystem that supports its purpose. The data center caters to that need by being the infrastructure that supports the Application Ecosystem (AE)SM and its wellbeing.
AE SMis made up of Application, Platform, Compute, Information Technology Infrastructure (ITI), Site Facilities Infrastructure (SFI), Site and Topology abstraction layers bundled into an application ecosystem for the purpose of satisfying Organization Requirements.
Slide background Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer Image layer

The 7 Layers

Application

Platform

Compute

ITI

SFI

Site

Topology

...Infinity Paradigm's

Application Ecosystem

by IDCA!

Slide background Image layer

The Seven Efficacies

AVAILABILITY

EFFICIENCY

CAPACITY

OPERATION

SAFETY &
SECURITY

INNOVATION

RESILIENCE

THE SEVEN EFFICACIES

Data Center Benchmarking & Compliance

1st

Ensuring availability by involving redundant infrastructure & avoiding single points of failure in the design as well as the implementation of the data center. This provides essential protection for both active & passive components. However, availability is directly linked to other efficacies such as operation & capacity, which their effective up-keep enhances & directly impacts data center availability.

2nd

Evaluating embedded efficiency mechanisms in order to reduce total cost of ownership (TCO), emission production & carbon footprint, advocating efficiency across the board. This includes maximized energy savings & green initiatives within feasible limits & involves not only designing & implementing efficient technologies, but also efficiency in methods & resources utilization.

3rd

Capacity of Infrastructure components that are scalable & suited for intelligent growth without compromising redundancy or sacrificing redundant components to serve the growing capacity needs. Doing so makes the data center dynamic, capable & competent to accommodate for future changes, while maintaining Grade (G) level classification & the required redundancies.

4th

Establishing safety & security measures throughout the AE’s supporting infrastructure. Protecting operation of both physical & IT aspects under by putting them under explicit control & surveillance. All vulnerabilities towards potential hazards & risks are absolutely minimized, ensuring that the lives of individuals & the wellbeing of computing assets are not at risk & fully protected at all times.

5th

Being in possession of operationally conducive infrastructure as well as skilled & capable human resources, accompanied by precise policies & procedures that are practical, geared for high-availability, render simplified for troubleshooting, promote consistency, efficiency, security & reliable quality control, intuitive to details while simple enough that make it easy to adhere to operational procedures.

6th

Measure of effective creativity & promotion of innovation in selection of technologies, modern in approach, systems & methodologies that make the data center operationally conducive, cost-effective, reliable, safe to the assets, stakeholders & the environment in design, component selection, implementation & operation.

7th

The resilience of the data center as relevant to its ultimate goal which is business continuity & application delivery. This is directly linked to the organization’s recovery point objectives (RPO) & involves measuring availability across layers, redundancies, disaster prevention, protection & recovery systems, methods, resources & possibilities.

Slide background

Data Center Grade Level Classifications

EXCELLENCE

The highest level of achievement when awarded to any application, platform, compute, ITI, SFI, Site or Topology layers.
G0 represents the lowest levels of risk, lowest level of insecurities, inefficiencies, vulnerabilities and chances of failure.

Grade Level 0 TM

G0

GRADE LEVEL 1 TM

Above average level of achievement, represents exposure to low levels of risk, low level of insecurities, inefficiencies, vulnerabilities and chances of failure.

G1

GRADE LEVEL 2 TM

Average level of achievement, represents an average exposure to risks, insecurities, inefficiencies, vulnerabilities and chances of failure.

G2

GRADE LEVEL 3 TM

Below average level of achievement, represents a below average levels of risks, insecurities, inefficiencies, vulnerabilities and chances of failure.

G3

GRADE LEVEL 4 TM

Lowest level of achievement, represents the highest levels of risk, highest acceptable level of insecurities, inefficiencies, vulnerabilities and chances of failure.

G4

L’Infinity Paradigm (“Infinity Paradigm℠) delinea: i modelli, i concetti, le impalcature e le norme cosi come essi attengono allo scopo del data center; la definizione di data center; i suoi componenti; le strutture; le topologie; le metodologie; i progetti; i piani; la documentazione; la disponibilità; la sicurezza; la salvaguardia; la resilienza; la capacità; l’efficienza; le operazioni; le telecomunicazioni; l’energia elettrica; i sistemi di raffreddamento; i cablaggi; le strutture civili; le architetture; l’illuminazione; i sistemi di messa a terra; la segnaletica; la connettività; l’information technology; i software; l’applicazione; il monitoraggio; il centro operativo di rete; il centro delle attività operative; i server; i sistemi di immagazzinamento dati; i backup; il recupero dati; la riscrittura dati; l’archiviazione; ogni metodo e tecnologia, prodotto o servizio che sia in relazione con l’installazione, la trasmissione delle applicazioni e l’agevolazione dell’organizzazione”.
 
 
 
L’Infinity Paradigm® è il paradigma che genererà un mutamento epocale nel modello dell’industria del data center, e rimodellerà l’immagine del settore del data center e dell’information technology rispetto a come sono stati conosciuti fino ad oggi. L’Infinity Paradigm fornisce, a tutti coloro che ruotano intorno allo sviluppo di un data center , infinite possibilità di progettazione, pianificazione, operazione, manutenzione, con l’obiettivo di adottare elevati livelli di affidabilità, sicurezza, efficienza, capacità e resilienza. Ciò è realizzato attraverso una prospettiva globale ed esclusiva che abbraccia l’intero ecosistema dell’applicazione e comprende i vari livelli: Applicazione; Piattaforma; Calcolo; Infrastruttura responsabile della trasmissione dell’applicazione; Infrastruttura IT; Infrastruttura del complesso del sito; Topologia.
In base a quanto stabilito dalla filosofia dell’IDCA, i Data Center Tiers proiettano una visione estremamente limitata della disciplina del data center e sono così poco strutturati da risultare letteralmente inefficaci per qualsiasi proposito pratico.
Il sistema di norme, strutture e definizioni del data center forniscono solamente una “micro” vista delle specifiche caratteristiche del sito. Il risultato è sostanzialmente un panorama complessivo errato.
L’Infinity Paradigm rielabora il percorso attraverso cui i data centers sono definiti, osservati, modellati, e dunque ottimizzati sia dal punto di vista concettuale che pratico per raggiungere il proposito per cui sono stati creati.

L’Infinity Paradigm fornisce sia

Una vista Macro sull’intero ecosistema dell’applicazione

Una vista Micro su ogni livello specifico dell’ecosistema

L’ecosistema delle applicazioni (AE)SM

Le applicazioni vivono, respirano, interagiscono ed esistono solamente all’interno di un’ ecosistema che le supporta. Il data center, essendo l’infrastruttura che supporta “the Application Ecosystem (AE)” e il suo benessere, provvede a tale necessità.

Ridefinendo il Data Center

Un Data Center (DC) è l’infrastruttura che supporta “the Application Ecosystem (AE).
Un Data Center Node (DCN) è l’insieme fisico del sito (Site), composto dalla Site Facility Infrastructure (SFI) e dall’IT Infrastructure (ITI) che supportano l’AE ad un determinato nodo topologico.
Un Data Center Cloud (DCC) è un insieme di Data Center Node organizzati in una specifica topologia (Topology).

L’AE è edificato sui livelli astratti seguenti, che vengono combinati nell’ecosistema dell’applicazione con il proposito di soddisfare i requisiti dell’organizzazione: Applicazione; Piattaforma; Calcolo; Infrastruttura IT (ITI); Infrastruttura del complesso del sito (SFI); Sito;Topologia.

1

Applicazione

Il complesso di servizi connessi al software che soddisfano i requisiti richiesti dall’intera organizzazione. Esempio: un’applicazione ERP è composta da servizi software per amministrazione, libro paga, inventario di magazzino, gestione patrimoniale etc.

The components involved in the Application layer of the AESM may include:

Application Layer Components
  • Application Architecture
  • Application Availability
  • Application Security
  • Application Integrity
  • Application Efficiency
  • Inputs, Processing and Outputs
  • General Controls
  • Application Reliability and Performance
  • Application Capacity and Maintainability
  • Business Specific Metricsx insertion here.
2

Piattaforma

La metodologia attraverso la quale gli applicativi vengono distribuiti nell’organizzazione (Application Delivery Mode).

I requisiti dell’applicazione conducono alla selezione di una piattaforma.

Le più comuni piattaforme di trasmissione sono Business as a Service (BaaS), Software as a Service (SaaS), Platform as a Service (PaaS), Infrastructure as a Service (IaaS) and Nothing as a Service (NaaS).

The components involved in the Platform layer of the AESM may include:

Platform Layer Components
3

Calcolo

La sistemazione logica delle risorse destinate all’elaborazione. Questo è un livello nel quale i requisiti di elaborazione dell’applicazione sono definiti in forma astratta. La sequenza di elaborazione del cloud di seguito mapperebbe il centro virtuale o fisico attuale nel livello dell’infrastruttura IT.

The components involved in the Compute layer of the AESM may include:

Compute Layer Components
4

Infrastruttura IT (ITI)

Il complesso dei componenti fisici, al livello dell’Information Technology, utilizzati per la distribuzione dell’applicazione, installati presso il nodo del data center. L’ ITI specifica la rete, i server, la memoria, etc. l’infrastruttura e i relativi servizi sulla base dei quali un determinato sito è modellato con l’obiettivo di soddisfare le specifiche dei livelli da esso supportati.

The components involved in the ITI layer of the AESM may include:

ITI Layer Components
5

Infrastruttura del complesso del sito (SFI)

L’insieme dei componenti, al livello di complesso o struttura, utilizzati per la distribuzione dell’applicazione, installati presso il nodo del data center. L’ SFI specifica l’energia, la capacità di raffreddamento, etc. l’infrastruttura e i servizi relativi sulla base dei quali un determinato sito è modellato con l’obiettivo di soddisfare le specifiche dei livelli da esso supportati.

The components involved in the SFI layer of the AESM may include:

SFI Layer Components
6

Sito

La superficie che opera autonomamente e che ospita le infrastrutture del data center. I requisiti dei livelli "Applicazione", "Piattaforma", "Calcolo", "ITI", "SFI" e "Topologia", dettano le specifiche e le caratteristiche del Data Center Node Site.

The components involved in the Site layer of the AESM may include:

Site Layer Components
7

Topologia

La connessione, la continuità e i limiti indicanti un complesso di correlazioni, connessioni, legami e relazioni tra diversi siti per la distribuzione delle applicazioni dell’organizzazione. La topologia specifica il luogo fisico, l’interconnettività e l’interrelazione tra i diversi siti del data center (Physical Data Center Sites Map).

I requisiti dei livelli "Applicazione", "Piattaforma", "Calcolo", come anche i requisiti di quelli "SFI" e "ITI" da ospitare, guidano verso la selezione e la specifica della topologia che sta alla base.

The components involved in the Topology layer of the AESM may include:

Topology Layer Components
 
 

L’Infinity Paradigm delinea l’AE attraverso livelli astratti.
L’AE, i suoi livelli astratti e le loro interrelazioni sono rappresentati attraverso i modelli The Core o The Pyramid.

Application Ecosystem (AE)SM

drag me!

DCN 1
DCN n
DCC
 
 
 
 
 

Caratteristiche dell’Infinity Paradigm

 
 
 
 

Onnicomprensivo

è stato creato con l’obiettivo di colmare gli enormi vuoti lasciati nell’industria del data center dai suoi predecessori relativamente a normative e linea guida, attraverso una prospettiva onnicomprensivo rivolta al data center, al suo investimento, alla sua progettazione, alle sue persone, alla sua valutazione e alla sua gestione.
 

Efficace

Uno degli obiettivi principali dell’ Infinity Paradigm è perseguire efficacia e senso pratico. Svelare la carenza nella comprensione delle reali necessità e indirizzarle verso la soluzione corretta, per dare a tutti coloro che investono su un data center, per qualsivoglia settore, un comodo approccio per gestire le proprie applicazioni critiche, costituisce l’emergenza primaria del Paradigma.
 
 

Orientato all’efficienza

per l’IDCA edificare un data center di livello G0 con un PUE pari a 2 è inaccettabile nel mondo nel quale viviamo in cui si è consci dell’importanza dell’efficienza. L’Infnity Paradigm detta le misure fondamentali per assicurare la conformità del data center alle normative sull’efficienza, sia in senso operativo che infrastrutturale, come anche relativamente ad altri rigidi parametri quali l’affidabilità, la sicurezza, etc.
 

Cloud-Inclusive

utilizzare la virtualizzazione, come un qualcosa di astratto lontano dalle risorse esistenti e creare una struttura fondata sul cloud, è il fondamento dell’era attuale. L’ Infnity Paradigm vuole essere il pioniere nell’introduzione del cloud, sia dal punto di vista logico che fisico, come un fattore chiave della pubblicazione dell’IDCA relativa alla nuova generazione di data center.
 
 

Internazionale

la missione dell’International Data Center Autority è un concetto internazionale. L’ Infnity Paradigm non è stato elaborato per il solo emisfero Nord Americano o per l’Unione Europea, bensì è stato concepito per portare con se ciò che di meglio e di più scintillante il mondo ha da offrire, permettendo a tutti i possessori di un data center di approfittare delle sinergie che la collaborazione globale può generare.
 

Localizzato

costruito con la capacità di essere circoscritto sia alla realtà logica che a quella fisica, l’Infinity opera ambientandosi alle lingue, alle differenti realtà e possibilità, adattando la propria solida piattaforma alle normative e alle politiche locali. Sebbene i requisiti sono stabiliti per specifici settori o sulla base di determinate aree geografiche (continenti, nazioni, stati o città) o altro ancora, l’Infinity ha sempre una soluzione.
 
 

Operation Conducive

la filosofia dell’IDCA punta sul concetto che l’affidabilità, la sicurezza, la conformità alle normative, etc. non possono essere misurate senza che siano completamente chiari e analizzati tutti i parametri funzionali. In maniera molto semplice, il fatto di possedere componenti con un alto tasso di ridondanza senza avere la misura di come tali componenti siano trattati, da chi, e nel rispetto di quali politiche e procedure applicative, “non è qualificante” per quanto richiesto dalle norme dettate dall’ Infnity Paradigm.
 

Application-Centric

essendo la prima organizzazione mondiale a riconoscere e a promuovere il concetto di data center come lo strumento attraverso cui sono distribuite le applicazioni, l’IDCA ha l’onore di riscrivere la definizione di data center come “l’infrastruttura che supporta l’intero ecosistema dell’applicazione (AE)”. Il nuovo approccio incentrato sugli applicativi va oltre gli sforzi sterili e spesso ridondanti fatti fin ora, e si focalizza su un obiettivo reale, ossia quello di fornire a coloro che investono in un data center prospettive precise e progetti ben strutturati attraverso cui soddisfare le necessità dei loro applicativi. In breve, modellare un data center intorno agli applicativi, e non gli applicativi intorno al data center!
 
 
 

Sistema di classificazione e punteggio per il data center

 
 
 
Grade Levels (GsSM) – Il metodo di classificazione del data center così come studiato dall’IDCA in riferimento ai diversi strati dell’ecosistema dell’applicazione (Topologia, Sito, Componenti dell’infrastruttura del sito, Infrastruttura dell’Information Technology, Nodo del Data Center, Calcolo, Piattaforma e Applicazione), poggia sui Grade Levels (GsSM). I GsSM si estendono dal livello G4SM al G0SM: G4SM rappresenta il massimo livello di vulnerabilità ammesso in termini di possibilità di guasto, rischio connesso alla sicurezza, inefficienza, rallentamento delle operazioni, insufficienza di capacità, carenza di resilienza; G0SM impone invece la perfezione relativamente a quanto suddetto e dunque rappresenta il massimo livello di classificazione che un data center, oppure un’organizzazione operante nel data center, o ancora una serie di data center, possono avere ad ogni strato dell’ecosistema dell’applicazione. Nota importante: i Data Center Grade Levels (GsSM) non devono assolutamente essere confusi con i Data Center Tiers; così come l’approccio dei Tiers, lo scopo e la loro copertura del data center è differente in maniera fondamentale da quanto stabilito dai Grade levels dell’IDCA.
Ottenere G0SM (l’eccellenza) ad ogni livello dell’ecosistema dell’applicazione, sebbene non sempre pratico e raccomandabile, deve essere l’obiettivo del data center, degli operatori, dei progettisti, degli architetti e degli sviluppatori. Quanto più le organizzazioni ambiscono al livello G0SM (che è un insieme di perfezione non solo dal punto di vista della disponibilità, ma anche in termini di efficienza, sicurezza, salvaguardia, capacità e resilienza al livello del nodo del data center come anche a livello di infrastruttura logica o di intera topologia fisica del data center), tanto più vengono rivelate infinite possibilità fin qui inimmaginabili, che fanno si che l’organizzazione possa tendere all’ Infinity(∞) nel senso di infinita affidabilità, sicurezze, capacità, efficienze e resilienze. Dunque, Infinity può essere definito come l’idea di raggiungere un livello virtuale infinito di disponibilità, affidabilità, sicurezza, capacità e resilienza così come richiesto dall’organizzazione. Come risultato, l’Infinity Paradigm si configura come il sistema che consente a tutti coloro che sono coinvolti nel data center di raggiungere livelli ottimali in riferimento alle loro necessità, fattibilità e capacità.
 
 
G0

Grade Level 0℠

Grade Level 0 rappresenta il più alto livello di valutazione conferito a uno qualsiasi degli strati dell’AE (applicazione, piattaforma, calcolo, ITI, SFI, Sito o Topologia). G0 rappresenta il più basso livello di rischio, di insicurezza, di insufficienza, di vulnerabilità e di possibilità di avaria.
G1

Grade Level 1℠

Grade Level 1 è il livello di valutazione superiore a quello medio conferito agli strati dell’AE (applicazione, piattaforma, calcolo, ITI, SFI, Sito o Topologia). G1 rappresenta un basso livello di rischio, di insicurezza, di insufficienza, di vulnerabilità e di possibilità di avaria.
G2

Grade Level 2℠

Grade Level 2 è il livello medio di valutazione conferito agli strati dell’AE (applicazione, piattaforma, calcolo, ITI, SFI, Sito o Topologia). G2 rappresenta un livello medio di rischio, di insicurezza, di insufficienza, di vulnerabilità e di possibilità di avaria.
G3

Grade Level 3℠

Grade Level 3 è il livello di valutazione al di sotto di quello medio conferito agli strati dell’AE (applicazione, piattaforma, calcolo, ITI, SFI, Sito o Topologia). G3 rappresenta un livello al di sopra della media di rischio, di insicurezza, di insufficienza, di vulnerabilità e di possibilità di avaria.
G4

Grade Level 4℠

Grade Level 4 è il più basso livello di valutazione conferito agli strati dell’AE (applicazione, piattaforma, calcolo, ITI, SFI, Sito o Topologia). G4 rappresenta il più alto livello di rischio, di insicurezza, di insufficienza, di vulnerabilità e di possibilità di avaria.
G4

Grade Level 4SM

Grade Level 4 is the lowest level of achievement when awarded to any application, platform, compute, ITI, SFI, Site or Topology layers. G4 represents the highest levels of risk, highest acceptable level of insecurities, inefficiencies, vulnerabilities and chances of failure.
 
 
G4
G3
G2
G1
G0
 
Excellence
ESR® - L’ indice unico e affidabile per misurare le competenze di un Data Center!
L’indice di efficacia (ESR) altro non è che il sistema e le metodologie per una valutazione puntuale dell’ efficacia di un sistema complesso.
In astratto, quando si parla del sistema e delle metodologie per valutare e confrontare l’efficacia di un sistema complesso composto da componenti indipendenti o interdipendenti, si parla dell’ ESR®. L’efficacia di ogni singolo componente è valutata e misurata sulla base di criteri determinati. L’efficacia misurata per ogni singolo componente è combinata per generare un punteggio globale di efficacia per l’intero sistema, così da poter confrontare il sistema con altri sistemi inseriti nello stesso ambito o contesto. Esempi di utilizzo dell’indice di efficacia sono: Data center rating, business rating, service provider rating, security ratings etc.
L’ESR® di un Data Center è una misura dell’efficacia complessiva dell’ecosistema dell’applicazione (AE) di un’organizzazione, del modello di trasmissione dell’applicazione (ADM), dell’infrastruttura su cui viaggia l’applicazione (ADI), ma anche della disponibilità, della sicurezza, della salvaguardia, della resilienza, dell’efficienza, della capacità e del funzionamento di ogni livello dell’AE.
A​ERSM

Indice di efficacia della disponibilità

Una misura dell’efficacia, abilità e valore della disponibilità dell’organizzazione dell’ecosistema dell’applicazione (AE), ad uno specifico strato dell’AE.
S​ERSM

Indice di efficacia della sicurezza

Una misura dell’efficacia, abilità e valore della sicurezza dell’organizzazione dell’ecosistema dell’applicazione (AE), ad uno specifico strato dell’AE.
E​ERSM

Indice di efficacia dell’ efficienza

Una misura dell’efficacia, abilità e valore dell’ efficienza dell’organizzazione dell’ecosistema dell’applicazione (AE), ad uno specifico strato dell’AE.
O​ERSM

Indice di efficacia delle attività operative

Una misura dell’efficacia, abilità e valore delle attività operative dell’organizzazione dell’ecosistema dell’applicazione (AE), ad uno specifico strato dell’AE.
CERSM

Indice di efficacia della capacità

Una misura dell’efficacia, abilità e valore della capacità dell’organizzazione dell’ecosistema dell’applicazione (AE), ad uno specifico strato dell’AE.
RERSM

Indice di efficacia della resilienza

Una misura dell’efficacia, abilità e valore della resilienza dell’organizzazione dell’ecosistema dell’applicazione (AE), ad uno specifico strato dell’AE.

Standardizzare basandosi sull’Infinity Paradigm!

All’IDCA va riconosciuto il merito di essere la prima organizzazione a livello mondiale ad incoraggiare e condurre una collaborazione e una comunicazione aperta per lo sviluppo delle normative relative ai data center. L’IDCA promuove gli sforzi di collaborazione, permettendo ai diversi gruppi di lavoro di operare fianco a fianco prendendo così parte allo sviluppo della missione dell’IDCA: sviluppare una serie di norme per il settore dei data center che siano complete, efficaci e orientate alla specifica applicazione e che gettino le basi per provvedere a necessità localizzate e specializzate. L’obiettivo è quello di colmare tutti i vuoti normativi esistenti nel settore, rendendo possibile il miglioramento e lo sviluppo futuro di tutti i punti di forza relativi alle aree chiave del data center. Attraverso la collaborazione nell’opera di standardizzazione, vero elemento innovativo nel settore dei data center, qualcuno potrebbe rimanere meravigliato da quanto l’insieme dei contributi provenienti da esperienze diverse, possa risultare in valore superiore alla semplice somma dei singoli contributi, e di quanto sia semplice convogliarle insieme, rendendo il complesso mondo dei data center più semplice e pratico per chiunque. Non importa quanto sia più o meno grande il singolo contributo: questo richiede tre passi per contribuire alla realizzazione della più grande opera normativa in continua evoluzione relativa ai data center!
 
 

Imparare

 
AUnirsi e sottoporsi al programma educativo sui data center dell’IDCA certificato a livello mondiale! Rimanere sempre all’avanguardia dell’industria del data center e delle sue tendenze, avere completa conoscenza dell’ Infinity Paradigm e dell’intero ecosistema dell’applicazione (AE).

Collaborare

 
BPartecipare. Mantenere sempre aggiornato il proprio bagaglio culturale. Aprire la propria mente spingendosi verso nuove frontiere di pensiero. Collaborare con i professionisti del settore, dare il proprio contributo, far tesoro di quello degli altri e essere elemento attivo nella sviluppo della normative future sui data center, basate sull’Infinity.

Condividere

 
CConcorrere alla crescita del mondo! Partecipare al movimento che condivide i propri risultati nel mondo dei data center in piena libertà, per un’opinione pubblica meglio informata, con data center ordinati, disponibili e operativi, sulla base di quanto prescritto dall’Infinity.